Ambiente, energia, lavoro: l’analisi Assoambiente sui rifiuti da attività economiche

In Italia la produzione di rifiuti speciali è pari a circa 160 milioni di tonnellate/anno, oltre 5 volte la produzione di rifiuti urbani. Disporre di un sistema ambientalmente ed economicamente sostenibile per la loro corretta gestione costituisce dunque una necessità di interesse pubblico, essendo un “asset” a cui un Paese, che voglia cogliere le migliori opportunità di sviluppo, non può rinunciare.

Un sistema efficiente di gestione dei rifiuti generati dalle attività produttive, in grado di assicurare il corretto trattamento ed avvio a recupero delle diverse tipologie di materiali, può contribuire a garantire al tessuto industriale la competitività necessaria per uno sviluppo economico costante

Ma, mentre per quanto riguarda i rifiuti urbani il dibattito è più che mai aperto e l’analisi che può condurre ad una corretta pianificazione delle dotazioni impiantistiche in correlazione ai fabbisogni individuati è in agenda anche per quanto riguarda la definizione del Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti, non sono altrettanto si può dire sui rifiuti speciali, in merito soprattutto ad una precisa comprensione dello stato di fatto della loro gestione.

Con l’obiettivo dunque di proseguire quanto già avviato dal 2019  e approfondire l’analisi dei dati riguardanti la produzione e l’attuale gestione dei rifiuti speciali, la correlazione di essi al contesto socio-economico e agli scenari di sviluppo futuro, la Sezione Rifiuti speciali, Intermediazione e Bonifiche di ASSOAMBIENTE, l’Associazione che rappresenta a livello nazionale e comunitario le imprese soprattutto private che gestiscono servizi ambientali e le imprese dell’economia  circolare che è presieduta da Marco Steardo, Presidente Sersys Ambiente, ha elaborato lo studio “Ambiente, energia, lavoro. La centralità dei rifiuti da attività economiche”.

Il report, alla cui redazione ha collaborato Giovanni Baldassarre – Responsabile Environmental Origination di Sersys Ambiente, verrà presentato a Roma il 25 maggio alle ore 17 presso la Sala Gianfranco Imperatori di CIVITA.

Programma

Saluto e apertura lavori: Chicco Testa, Presidente Assoambiente;

Presentazione del Report: Marco Steardo, Presidente Sezione RSIB Assoambiente  e Elena Maggioni, Consigliere Assoambiente

Intervengono: Vannia Gava, Sottosegretario al MiTE; Stefano La Porta, Presidente ISPRA e  Giacomo Vigna, MiSE.

Modera Monica d’Ambrosio, Direttore di RICICLA TV

Il convegno sarà disponibile in diretta streaming.

ARTICOLI CORRELATI

  • Rapporto rifiuti speciali ISPRA

Rifiuti speciali, pubblicato il 20° Rapporto di ISPRA

Pubblicato il 20° Rapporto Rifiuti Speciali dell’ISPRA: produzione arrivata a quasi 154 milioni di tonnellate, molto bene il riciclo. Occorre potenziare e migliorare l'impiantistica per raggiungere gli obiettivi europei e per proporci sempre di più come leader a livello europeo nell'economia circolare.