Sersys Ambiente avvia il dialogo con il territorio sugli impianti di Gricignano d’Aversa e Civitavecchia per promuovere una corretta informazione e favorire la partecipazione della cittadinanza superando i pregiudizi sul ruolo di questi impianti di produzione di biometano.

Promuovere una corretta informazione sugli impianti di biometano per la gestione della frazione organica da realizzare nel Comune di Gricignano d’Aversa (Caserta) e di Civitavecchia, sulle caratteristiche tecnologiche e sulla loro valenza ambientale.
Favorire la partecipazione della cittadinanza, rafforzando il dialogo con il territorio ospitante questi nuovi impianti, i quali produrranno attraverso il riciclo dei rifiuti organici, questa fonte di energia rinnovabile che è uno dei concetti alla base della produzione di energia dell’economia circolare.
Creare consapevolezza e superare i pregiudizi sul ruolo degli impianti di biometano, reso ancor più strategico dal gap impiantistico delle Regioni Lazio e Campania che provoca ogni giorno l’invio di miliardi di metri cubi di frazione organica al di fuori dei loro confini, con evidenti ricadute negative sul fronte economico e ambientale.
Con questi obiettivi le società Ambyenta Campania e Ambyenta Lazio, controllate da Sersys Ambiente, hanno realizzato due strumenti on-line di comunicazione trasparente verso l’esterno sugli impianti di produzione di biometano da frazione organica del rifiuto solido urbano nel Comune di Gricignano d’Aversa e Civitavecchia, per cui ha avviato l’iter autorizzatorio.

In considerazione della pandemia e dell’obbligo di distanziamento sociale imposto dalle normative di contenimento del virus, per animare il confronto con la cittadinanza sono stati realizzati due siti web (www.ambyentacampania.comwww.ambyentalazio.com) che intendono essere punto di riferimento per tutti, cittadini, amministrazioni e persone interessate a saperne di più.

Oltre a contenere tutte le informazioni e la documentazione ufficiale relativa al progetto, è possibile trovare al loro interno l’illustrazione delle ragioni che hanno portato a progettare la realizzazione degli impianti nei due territori.

impianti biometano Gricignano e Civitavecchia

Una sezione del sito dedicata offre, inoltre, l’opportunità di rivolgere domande all’azienda per avere maggiori informazioni in merito alla produzione del biometano e all’impatto sull’ambiente. I quesiti, con le relative risposte argomentate dai tecnici delle società, saranno pubblicati settimanalmente e resi disponibili a tutti.
Il percorso di dialogo con il territorio, avviato con questi strumenti, sulla scorta di esperienze internazionali e best practice nazionali di settore, mira a coinvolgere i cittadini dei territori interessati in piena trasparenza e vuole rappresentare una opportunità di dialogo con la comunità che ospiterà questi impianti adibiti a produrre biometano.

Leggi i comunicati stampa sui nuovi siti di Ambyenta Campania e Ambyenta Lazio.

ARTICOLI CORRELATI

  • Presentazione rapporto rifiuti speciali

Rifiuti speciali: l’Italia perde ogni anno 1 miliardo di euro a causa dell’export

Maggio 27th, 2022|Tags: , |Commenti disabilitati su Rifiuti speciali: l’Italia perde ogni anno 1 miliardo di euro a causa dell’export

Presentato lo studio di Assoambiente: si conferma il primato nazionale nel riciclo. Resta però elevata la quota di export che comporta perdite in termini economici, occupazionali, energetici.

  • rifiuti speciali

Ambiente, energia, lavoro: l’analisi Assoambiente sui rifiuti da attività economiche

Maggio 17th, 2022|Tags: , |Commenti disabilitati su Ambiente, energia, lavoro: l’analisi Assoambiente sui rifiuti da attività economiche

Il 25 maggio a Roma presentazione dello studio Assoambiente sui rifiuti speciali, alla cui redazione ha collaborato Giovanni Baldassarre, Responsabile. Environmental Origination di Sersys Ambiente.

  • Recupero energetico

Il recupero energetico dai rifiuti: un’opzione per ridurre le importazioni energetiche

Aprile 19th, 2022|Tags: , |Commenti disabilitati su Il recupero energetico dai rifiuti: un’opzione per ridurre le importazioni energetiche

Risparmiare il 5% delle importazioni di gas dalla Russia: per Utilitalia sarebbe possibile grazie alla sola realizzazione degli impianti necessari alla corretta gestione dei rifiuti.