I laboratori Sersys Ambiente per l’analisi delle fibre di amianto

L’uso e la produzione dell’amianto è fuori legge dal 1992 in Italia, dal 1993 in Germania, dal 1996 in Francia e dal 2000 in Svizzera. La Direttiva 2003/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 marzo 2003, ha previsto l’obbligo – per tutti i Paesi comunitari – di cessarne totalmente l’utilizzo entro il 15 aprile 2006.

Già nel 1965 la comunità scientifica internazionale aveva infatti confermato l’esistenza di effetti cancerogenetici legati all’esposizione ad amianto il rischio ‘’amianto’’. Il rischio dell’amianto è legato alla possibilità di rilascio di fibre respirabili nell’ambiente di vita e di lavoro Sono ‘’respirabili’’ tutte le fibre con diametro < 3 µm, lunghezza > 5 µm e rapporto di allungamento 3:1.

I laboratori di Sersys Ambiente effettuano analisi qualitative e quantitative su campioni in massa e analisi per la determinazione delle fibre di amianto aerodisperse.

La determinazione delle varie forme di amianto contenute in campioni in massa costituisce un problema analitico complesso: per valutare gli aspetti qualitativi e/o morfologici (presenza/assenza di amianto nel materiale, tipo di fibre) una delle tecniche utilizzate è la microscopia.

Fibra di absesto

Credits: Wikipedia – Fibre di amianto antofillite (immagine SEM)

I laboratori di Sersys Ambiente effettuano analisi qualitative e quantitative su campioni in massa e analisi per la determinazione delle fibre di amianto aerodisperse.

La determinazione delle varie forme di amianto contenute in campioni in massa costituisce un problema analitico complesso: per valutare gli aspetti qualitativi e/o morfologici (presenza/assenza di amianto nel materiale, tipo di fibre) una delle tecniche utilizzate è la microscopia.

Il laboratorio di Analisi Amianto di Sersys Ambiente è dotato di 2 SEM-microanalisi (uno con sorgente all’esaboruro di lantanio per un’ancora più alta risoluzione e l’altro con sorgente di tungsteno), 2 microscopi ottici con luce polarizzata ed in contrasto di fase, 1 stereo microscopio, 2 FTIR. Svolge il servizio di analisi di amianto e FAV in diverse matrici (aria, acqua, massa) con prove accreditate ACCREDIA.
Esegue anche l’analisi delle fibre artificiali vetrose (FAV) ai fini della classificazione, imballaggio e etichettatura di sostanze pericolose secondo il DM del ‘98, la circolare n.4 del 2000 e il Regolamento CE del 2009.

Grazie ai microscopi elettronici a scansione, comunemente indicati come SEM dall’inglese Scanning Electron Microscope, i tecnici del laboratorio di Sersys Ambiente hanno la possibilità di ottenere immagini di campioni inorganici e organici con risoluzioni fino all’ordine dei nanometri. Il SEM dà infatti la possibilità di ingrandire l’oggetto in osservazione fino ad almeno 20000X con un’ottima risoluzione visiva: una fibra con diametro intorno a 1 micron, invisibile a occhio nudo, può comparire sullo schermo del SEM grande quanto una penna. I SEM di Sersys sono abbinati con un sistema di microanalisi EDX (energy dispersive X-ray) che analizza i raggi X emessi dalla materia colpita dal fascio di elettroni e rende possibile conoscerne istantaneamente la composizione elementare.

Il SEM usa gli elettroni come fonte di illuminazione al posto della luce (microscopio ottico) consentendo così di ottenere una maggiore risoluzione. Gli elettroni sono prodotti in cima alla colonna, sono accelerati verso il basso e passano attraverso una combinazione di lenti e aperture che producono un raggio sottile (probe) di elettroni che colpisce la superficie del campione esercitando una scansione in forma di una successione di linee parallele.
Il laboratorio di Sersys Ambiente è iscritto ai programmi di qualificazione per le analisi sull’amianto del Ministero della Salute.

ARTICOLI CORRELATI

  • start-up delle bonifiche TRIREME

Costituita la start-up delle bonifiche TRIREME

È stata ufficialmente costituita nei giorni scorsi TRIREME srl, la start-up specializzata nell’attività di bonifica nata dalla collaborazione tra Sersys Ambiente, il Dipartimento di Chimica dell’Università di Roma “La Sapienza” e l'Istituto di Ricerca Sulle Acque del CNR.